I nostri approfondimenti

Scopri le ultime notizie dal mondo web, gli aggiornamenti sulle nostre attività e le rubriche digitali curate dal nostro Team

04/08/2021I 10 tool più utili per un social media manager

Essere sempre online, sempre attenti, sempre efficienti e “sul pezzo”! È questo quello che viene richiesto ad un social media manager. Un impegno non da poco, che però può essere facilitato grazie all’utilizzo di app e tools. Scopriamo insieme i 10 tools più interessanti per una gestione dei social efficace e produttiva.

Slack: per coordinare un team, Slack è fondamentale. Permette ai membri del team di comunicare con facilità durante un progetto, evitando di allungare i tempi con l’invio di mail.

Google Alert: uno strumento utile per monitorare i risultati di ricerca, per essere sempre aggiornati su un tema o una keyword prescelta, permette all’utente di ricevere una email con tutti i risultati Google sul nome del brand o la parola impostata.

Feedly: indispensabile per tutti coloro che vogliono seguire l’attualità nel loro settore di competenza. Si tratta di un aggregatore di notizie per essere sempre aggiornati su temi specifici e avere sempre a disposizione idee, novità e spunti per i contenuti web e social. Basta inserire le keywords e le tematiche di riferimento o, volendo, le fonti specifiche. Vi è, inoltre, la possibilità di raggruppare le collection, organizzare le cartelle e archiviare i contenuti.

Hashtagify: il tool per eccellenza per creare hashtag di impatto. Basta digitare la parola che ci interessa approfondire per ottenere subito 10 parole ad essa collegate.

Evernote: offre la possibilità di creare schizzi e screenshot allo schermo da modificare a proprio piacimento per rendere subito il concetto e trasferire un’idea o per prendere appunti utili e immediati attraverso le immagini.

Giphy: con Giphy è possibile convertire parti di un video in una GIF, facendo l’upload di un video oppure incollando direttamente l’URL. Permette, inoltre, di cercare in un grandissimo database immagini animate da condividere per una strategia social di impatto e divertente.

Hemingway App: è uno strumento di scrittura assistita, verifica la leggibilità di un testo, in base alle subordinate e alla lunghezza e al numero di parole utilizzare. In pochi secondi fornisce il feedback sul testo incollato, segnalando visivamente i problemi rilevati. Abbrevia le frasi e suggerisce sinonimi e termini da usare per dare vita a contenuti sempre più interessanti.

Hootsuite: un’unica dashboard per la gestione, l’organizzazione e la pianificazione dei contenuti sui diversi canali social. Assolutamente da non perdere: consente non solo di schedulare i post, ma anche di creare report analitici di base.

Pocket: è una “tasca” dove “inserire” tutte le news, le pagine web e i contenuti da leggere in un secondo momento. Utile per non perdersi nell’immenso mondo del web e tenere sempre a disposizione quello che ci interessa, nel momento più comodo.

Canva: intuitivo e facile da usare, consente di realizzare immagini, grafiche, infografiche per blog e social network. Permette all’utente di scegliere tra tantissime card grafiche, gratuite o a pagamento, già realizzate e completamente editabili a seconda delle esigenze, di personalizzarle con loghi ed elementi grafici e di creare grafiche a partire dalle misure standard dei social.

Hai bisogno di un supporto per far crescere la tua attività sui social e raggiungere nuovi clienti? Contattaci ora e definiremo insieme la giusta strategia per la tua azienda/professione.

 

Leggi di più

01/08/2021Retail: le leve che spingono l'utente all'acquisto

Il 2020 è stato un anno particolarmente difficile dal punto di vista economico: i negozi e store fisici hanno registrato un forte calo di traffico e vendite, dettato dalle misure in corso per contrastare l’emergenza sanitaria. Se da un lato, però, le vendite e i guadagni dei negozi non alimentari sono calati, dall’altro è aumentata la capacità di risparmio, pari al 6% del PIL, dei consumatori italiani.
Occorre, quindi, fermarsi a riflettere su quali siano le leve strategiche per portare i consumatori nel negozio fisico e a visitare lo store digitale. Ad aiutarci i dati raccolti da Google/Kantar, con uno studio a livello mondiale sull'aumento del traffico e delle conversioni in seguito al miglioramento delle esperienze cliente, condotto in 38 paesi su un campione di 33.500 consumatori maggiori di 16 anni che avevano fatto acquisti online, aprile-maggio 2019.

ONLINE E OFFLINE: LE PRINCIPALI LEVE DI VENDITA

La principale motivazione per cui si sceglie di comprare online è, indubbiamente, la comodità: navigare con facilità su un sito web, senza alcun limite di distanza o orario favorisce questa tipologia di business, così come la possibilità di poter ricevere, senza necessità di effettuare nessuno spostamento, il prodotto comodamente a casa.
Per quanto concerne, invece, gli store fisici, la leva principale per la scelta è la vicinanza ad un negozio. In tal caso “comodità” si traduce anche in possibilità di visionare il prodotto e poterlo portare immediatamente a casa.
Per quanto concerne il business online va considerato un aspetto fondamentale: i consumatori hanno un'apertura mentale circoscritta e tendono ad acquistare solo presso pochi rivenditori top of mind. Pur conoscendo almeno 13 negozi online, tendono ad acquistare da 3 negozi. Appare, quindi, evidente l’importanza del marketing per farsi ricordare e restare in cima a questa "Top Three".

DIGITAL MARKETING E SOCIAL MEDIA MARKETING PER AUMENTARE IL TRAFFICO

In media, il 51% del traffico online e delle vendite digitali è stimolato da investimenti di marketing. Non solo: il digitale fa bene all’offline. Il marketing per i motori di ricerca, assieme ad un corretto utilizzo dei social media, è un fattore particolarmente efficace per stimolare il traffico in negozio, portando una percentuale del 50% di utenti presso i negozi fisici.
Ma cosa rende il digital marketing e gli annunci sul web e sui social vincenti? Eccovi un breve elenco delle principali caratteristiche di campagne e contenuti efficaci:

  • Costanza: la pubblicità sul web deve essere costante. Un brand non può esserci e poi sparire per lunghi periodi. Il consumatore medio è “bombardato” da migliaia di annunci in un giorno; un singolo annuncio potrebbe passare inosservato.
  • Tempestività e personalizzazione degli annunci: il segreto è, quindi, esserci e, soprattutto, essere presenti al posto giusto, nel momento giusto. Occorre intercettare la domanda dei consumatori con risultati personalizzati, in base ai loro interessi, alle loro esigenze, al luogo di residenza o dove si vuole acquistare.

Hai bisogno di un supporto per far crescere le tue vendite? Contattaci, sapremo consigliarti le giuste strategie di marketing e mettere in pratica tecniche ad hoc per il tuo business.

 

Leggi di più

29/07/2021Instagram: tutte le novità in arrivo

Novità in arrivo per Instagram, che si rinnova su molti fronti e punta, in particolare, al rispetto e alla sicurezza per i contenuti dei minori.
Scopriamo insieme tutte le novità della celebre piattaforma social:

Maggiore privacy per i minorenni su Instagram

Proprio come altre piattaforme, anche Instagram prevede il limite minimo di tredici anni per l’iscrizione, criterio utile ma non sufficiente a garantire la sicurezza dei minorenni sulla piattaforma. Per questo il social metterà in atto una nuova opzione di sicurezza, blindando i profili di tutti i minorenni, rendendoli privati, ossia visibili ai soli follower.
Non si tratterà, però, di un’opzione irrevocabile: si potrà, infatti, modificare il proprio profilo dalle impostazioni per rendere pubbliche storie e contenuti.
Si tratta, comunque, di un filtro maggiore, in quanto prevede un doppio step che permette all’utente di accettare o rifiutare uno sconosciuto, piuttosto che essere seguito in automatico da chiunque.

Sottotitoli e traduzione nelle stories

Interessante e capace di abbattere qualsiasi tipo di confine: parliamo della traduzione delle storie Instagram. La nuova funzione permetterà di tradurre i testi delle storie nella lingua richiesta. Una comodità e un’immediatezza assolute: ogni profilo è impostato su una particolare lingua e, nel caso in cui si visualizzino le stories con delle scritte in una lingua differente, basterà “fare tap” per convertirle e accedere al testo tradotto.
Sono ben novanta le lingue supportate da questa funzione, per una copertura quasi totale dell’utenza di Instagram. Commenti, didascalie e biografie degli utenti sono, invece, traducibili già dal 2016 e sono già disponibili i sottotitoli automatici dall’audio, ma esclusivamente in lingua inglese.

Reel più lunghi

Addio ai 15 secondi del Reel. Le clip brevi che richiamano il modello TikTok, potranno raggiungere la durata di un minuto, per la gioia di creator e aziende che puntano a guadagnare sempre più spazio.

Storie esclusive e contenuti a pagamento

Si tratta di una feature ancora in fase di test interno, ma rappresenterebbe una svolta indiscutibile. Instagram potrebbe inserire dei contenuti a pagamento, come storie con foto e video particolari. Per visualizzare questi contenuti esclusivi l’utente dovrebbe pagare. Un’opzione che, da un lato, potrebbe incontrare numerose resistenze e che, d’altro canto, potrebbe essere un investimento utile per i profili business. I contenuti a pagamento, in caso di approvazione e lancio effettivo su IG, saranno contrassegnati con una cornice di colore differente rispetto agli altri e accompagnati da messaggi che ne esplicitano la natura.

 

Leggi di più

01/12/2020Social Media: i trend del 2021

Social media e futuro: quali sono le novità e i trend per il 2021? A rispondere a questa domanda ci pensa il report di Talkwalker, realizzato in collaborazione con HubSpot, sulla base delle domande, e conseguenti risposte, poste a 70 esperti del settore. 

Torna il legame tra comunicazione e Covid-19, tema che, purtroppo, ci accompagnerà anche il prossimo anno, seppure con sfaccettature (e ci auguriamo anche prospettive differenti). I contenuti sul Coronavirus si concentreranno sulle 4C: Community, Contactless, Compassion, Cleanliness saranno le parole chiave di questa nuova fase della nostra convivenza con il virus. Gli internauti si aspettano dai media e dai brand stessi informazioni e consigli su questi aspetti connessi alla pandemia. Nessuno, brand compresi, potrà esimersi dal contestualizzare le comunicazioni e i contenuti social rispetto al contesto particolarissimo che stiamo vivendo. 

A questo si lega anche un secondo trend individuato, quello della maggiore consapevolezza degli utenti e, in particolare, delle nuove generazioni. Sempre con un telefono a portata di mano, sempre connessi, i giovani sono avvezzi a comunicare e a leggere tutto quello che circola sul web e sulle piattaforme social. Ci troviamo oggi di fronte ad una generazione socialmente consapevole, che chiede risposte e verità e che, pertanto, influenza fortemente i brand e la società.  Le aziende, i marchi e gli influencers dovranno impegnarsi maggiormente su temi come la salute mentale, l'inclusività e la giustizia sociale: il rischio, altrimenti, è quello di diventare irrilevanti o, quantomeno, anacronistici. 

Informazioni e stop alle fake news: social e web sono importanti fonti di informazioni alla portata di tutti. Ma è proprio questo essere per tutti che spesso si trasforma in "essere alla mercé", in particolar modo in un momento come quello attuale, in cui dilagano paura e incertezza. Il pericolo della disinformazione e delle fake news è dietro l'angolo: spetterà ai colossi come Facebook & Co. fare chiarezza e mettere al bando chi dissemina falsità. 

I social, si sa, sono anche leggerezza: ed è per questo che è sempre più comune vedere meme su qualsiasi argomento, tema ed emozione. Efficaci, divertenti, spesso, comunicano di più delle parole stesse. Sempre più diffusi, i meme supereranno di gran lunga le emoji e i brand devono essere pronti a sapersi difendere anche da critiche e attacchi espressi sotto forma di immagini. 

Il Vintage Marketing, ossia il marketing della nostalgia coinvolgerà maggiormente il pubblico, con un incremento delle menzioni dell'88%. È un fenomeno al quale siamo stati già preparati durante il primo lockdown: la leva dell'emotività, sempre efficace, farà ancora presa, ma attenzione a non abusarne o si rischia di diventare stucchevoli. 

Più distanze fisiche, meno sul web: il Conversational Marketing sarà la leva che guiderà le vendite, i brand capaci di creare interazioni e conversazioni con consumatori, fan page e followers saranno riconosciuti come autentici e premiati in termini di numeri e vendite. 

Hai bisogno di un supporto per far crescere la tua attività sui social e raggiungere nuovi clienti? Contattaci ora e definiremo insieme la giusta strategia per la tua azienda/professione.

 

 

 

 

Leggi di più

04/11/2020Cyber Monday: come preparare il tuo business

Segue il Black Friday e rappresenta un'ulteriore possibilità di incremento delle vendite, in particolare per gli e-commerce. Parliamo del "Cyber Monday", il lunedì successivo al Black Friday. Previsto per il 30 novembre, è un evento dedicato agli sconti sui negozi online. 

Il Lunedì Cibernetico nasce negli Stati Uniti nel 2005, grazie all' intuizione di un e-commerce locale e viene promosso dalla National Retail Federation. Pensato per permettere ai consumatori di usufruire ancora di sconti, magari persi il venerdì precedente, ha inizio a mezzanotte ed un minuto per terminare alle 23.59 dello stesso giorno. 

Diversi negozi italiani, e non solo, stanno approfittando dell'occasione per dare vita ad un'intera settimana o un weekend lungo di sconti precedente al fatidico lunedì, raccogliendo grandi profitti in termini di guadagno. 

Tendenzialmente il Cyber Monday propone offerte e sconti nell'ambito degli acquisti digitali, ma riguarda moltissimi settori. Come prepararsi, allora, per sfruttare questa occasione? 

UTILIZZA I SOCIAL MEDIA

Impossibile non utilizzare i social media, canali capaci di creare un rapporto diretto con la clientela. 

Un uso intelligente dei social mette assieme creatività e scontistiche riservate. Prima di ogni evento online va creata l'aspettativa, l'hype: la strategia dei contenuti social deve quindi suscitare curiosità nell'internauta che segue la tua pagina social. Deve creare attesa, far intuire che ci saranno importanti offerte, senza svelarle fino al 2 dicembre. 

Una possibilità è quella di creare sconti esclusivi per i social media, attraverso codici sconto o realizzare contest e giveaway. Ricorda: regalare qualcosa o offrire un prezzo vantaggioso, è un gesto apprezzato dai clienti capace di creare fiducia. 

Contenuti creativi, belli da vedere, sconti vantaggiosi porteranno like, retweet, commenti e condivisioni: tutte queste reactions daranno visibilità al tuo brand e alla tua strategia di marketing. 

USA LE MAIL 

Più ci si avvicina al Natale più aumenta il numero delle mail che riceviamo. Nonostante ciò, parliamo di uno strumento che va necessariamente utilizzato per comunicare le offerte previste per il Cyber Monday. Cerca, quindi, di distinguerti con il tono del tuo messaggio e con una grafica accattivante, senza dimenticare, di inserire una CTA coinvolgente e un processo di acquisto semplice e veloce.  

Chiarezza prima di tutto: assicurati di utilizzare un linguaggio che non lasci alcun dubbio e fai sapere al tuo pubblico quali prodotti sono in vendita e gli sconti. 

Non tutti i visitatori del tuo sito web hanno acquistato? Non preoccuparti! Se i tuoi clienti hanno compilato il form del tuo sito e aggiunto prodotti al carrello senza poi finalizzare l'acquisto, puoi raggiungerli tramite mail e invitarli a concludere la transazione. 

Le mail sono anche lo strumento migliore per proseguire, subito dopo il Cyber Monday, la tua strategia di vendita. Puoi, infatti, inviare ai tuoi clienti una mail con un'ulteriore possibilità di approfittare dell'offerta. Il Cyber Monday è concluso, ma puoi fare leva sull'urgenza creando delle offerte a tempo. 

Hai bisogno di un supporto per far crescere le tue vendite? Contattaci, sapremo consigliarti le giuste strategie di marketing e mettere in pratica tecniche ad hoc per il tuo business. 

Leggi di più

12/12/2019Pinterest 100, tutte le idee di tendenza per il 2020

Pinterest 100 è il nuovo interessante documento redatto dal social network di immagini. Si tratta di un elaborato che mette in evidenza le nuove tendenze del 2020 e gli argomenti che suscitano l'interesse dei pinner.

Sono indicazioni importanti per chi si occupa di marketing: conoscere i temi che stanno a cuore ai consumatori significa aprirsi a diverse possibilità di vendita.

Tra i trend in crescita vi è il tema "amici animali": dai resort alle torte per cani, dalla moda per gli amici a quattro zampe ai compleanni. Sono dati di un certo rilievo se si considera che, secondo una ricerca di Mintel condotta nel Regno Unito, chi acquista prodotti per animali domestici, preferisce rinunciare ad acquistare qualcosa per sé. 

Anche il settore turismo può trarre informazioni preziose da questo report. Il documento, infatti, sottolinea come l'interesse dei pinner si stia spostando sempre più sul "viaggio responsabile ed ecosostenibile" e suggerisce alle strutture ricettive di fare particolare attenzione agli aspetti eco-friendly legati all'ospitalità.

Il trend dell'attenzione per la natura e l'ecologia è presente anche, in maniera più generica, nel tema del "consumo consapevole" e del ridurre i rifiuti. Si sta affermando anche la tendenza al riciclo di oggetti, vestiti e abiti da sposa di seconda mano. Proporre modalità di riciclo delle confezioni dei prodotti può essere un ottimo modo, per le aziende, di conquistare la fiducia dei consumatori. 

Tra le ricerche dei pinner vi è anche l'argomento "casa" intesa, non solo come il luogo dove svolgere moltissime attività. Fare sport, guardare un film, ascoltare musica e, perché no, anche produrre la birra: in casa, secondo Pinterest, si può fare tutto.

Si parla ancora di casa e, allo stesso tempo, di viaggi nel trend "ispirazioni dal mondo": dai living room in stile indiano ai bagni spagnoli, dagli oggetti di antiquariato francese alle vasche da bagno giapponesi. Tante idee e suggestioni, c'è solo da scegliere quella che si preferisce.

Queste sono solo alcune delle 100 ispirazioni che Pinterest ha messo in evidenza. 100 ricerche di tendenze tutte da convertire in termini di vendita e di nuovi acquirenti. Per conoscere tutti i dettagli del report, vi invitiamo a cliccare qui

 

 

Leggi di più

03/09/2019La "Christmas marketing guide 2019" di Facebook per massimizzare le vendite attraverso i social

Buon Natale da Facebook! Nonostante il messaggio possa sembrare in anticipo, il celebre social network si è già concentrato sulla festività natalizia rilasciando una guida relativa al marketing e alle vendite nel periodo più magico dell'anno.

Una mossa oculata poiché il Natale rappresenta un momento di grandi opportunità per raggiungere, con il proprio brand e prodotti, nuovi consumatori. 

La Christmas Marketing Guide 2019 fornisce dati interessanti, offrendo spunti per migliorare le campagne marketing, a partire dalle tempistiche. Sottolinea, infatti, come gli utenti comincino a cercare e ad acquistare i regali di Natale già nei mesi di ottobre e novembre, con un picco nella settimana del Black Friday.

L'analisi dei trends del 2018 ci dice che il 69% degli shoppers nel periodo natalizio ritiene che le Stories su Facebook e Instagram siano un canale efficace per scoprire, trovare ispirazione per le idee regalo e "prendere familiarità" con nuovi prodotti e servizi. 

La guida mostra, poi, come procedere per creare campagne marketing di successo. Le fasi sono 4: 

-la preparazione della campagna (controllo dei Pixels, sviluppo della presenza su Messenger),

-la costruzione della comunicazione della campagna (valutazione delle piattaforme, dei canali e dei partner, l'individuazione dell'audience a cui rivolgersi e del catalogo di prodotti/servizi da proporre),

-la massimizzazione delle vendite massive nei mesi di novembre e dicembre attraverso l'individuazione del target, l'ottimizzazione e la creatività dei contenuti delle campagne, 

-ottimizzazione vendite post natalizie, con un'attenzione particolare durante il mese di gennaio .

 

La guida include anche un calendario, che copre novembre e dicembre, per pianificare tutte le operazioni da attuare e un'anteprima dei prossimi template di Facebook le festività da utilizzare per gli annunci creativi. Per visualizzare questo utile documento targato Facebook, vi invitiamo a cliccare qui e ricordate, come recita la guida, "it's not magic, it's insight"

Leggi di più

11/05/2019Come gestire i social per fare branding e vendite?

Quotidianamente utilizziamo i social network, considerandoli principalmente uno svago, un mezzo per socializzare. Di sicuro rappresentano una "piazza virtuale" dove scambiare opinioni e intrattenere relazioni, ma oggi più che mai hanno una funzione lavorativa e professionale che aziende e liberi professionisti non possono ignorare.

I social network, sono gli strumenti attraverso i quali aziende e professionisti possono raccontarsi, far conoscere il proprio business e, soprattutto, creare un'immagine di sé, dare un valore e una percezione dei propri prodotti/servizi/valori.

Curare i social e gestire la comunicazione significa, raccontare il prodotto, attraverso parole, immagini e tecniche legate all'advertising con l'obiettivo di raggiungere un numero sempre più alto di persone, e quindi di clienti realmente interessati ad acquistare.

Ma come si arriva a questo risultato? Il lavoro dei Social Media Manager e dei Copywriter è fatto di studio dell'attività del cliente privato, rivenditore o professionista, strategia e attenzione quotidiana.  Occorre saper scegliere le giuste parole perché il prodotto/servizio che vogliamo vendere sia raccontato al pubblico, venga "compreso" e sia appetibile. Per farlo bisogna trovare lo stile di comunicazione più adatto ad interloquire con il proprio pubblico, le immagini più accattivanti, senza tralasciare ovviamente l'onestà intellettuale di quello che si vuole presentare. L'aspetto creativo e la cura delle immagini, restano il punto focale sia su Facebook che su Instagram, soprattutto laddove si stia mettendo in atto una strategia di web marketing legata ad un sito e-commerce.

Raggiungere un elevato numero di Insight e potenziali clienti è sicuramente uno degli obiettivi di chi sceglie di affidarsi a piattaforme virtuali come Facebook e Instagram, ma al contempo, per fidelizzare il cliente, occorre monitorare costantemente i social, notifiche e messaggi per dare feedback veloci e pertinenti. Una risposta non data, tempi lunghi e imprecisioni nella gestione delle richieste, possono rappresentare dei veri e propri ostacoli alla vendita e punti negativi che danneggiano l'immagine aziendale e professionale presentata.

Utilizzare i social network significa "parlare" a numeri altissimi di persone, mettendo in atto tutte le attività colpire nel segno e presentare il nostro messaggio ad un target ben definito. Sarà, quindi, opera del Social Media Manager e dell'esperto di Marketing comunicare con il giusto pubblico, segmentare l'audience. Per farlo, bisogna conoscere le giuste tecniche, creare campagne efficaci e, passaggio primario, scegliere il giusto strumento e il contenuto da proporre. 

Non solo "semplici" campagne ADV e ADS: ad oggi le piattaforme social sono strutturate per la vendita diretta. Basti pensare alla funzione "Chekout" di Instagram, che permette di acquistare i prodotti visualizzati nei post direttamente dal social network, senza passare per il sito esterno dell'azienda che lo vende.

Appare quindi evidente già da questa semplice analisi che curare la comunicazione sui social network e vendere con questi strumenti è uno scopo possibile, raggiungibile e vantaggioso ma per "fare centro" bisogna attuare i giusti passaggi e procedimenti, e dedicarsi giornalmente a questo lavoro. Stop al cugino di turno e largo agli esperti.

Se ti manca il tempo di rispondere ai messaggi delle pagine social, se non hai idea di chi sia il tuo pubblico, se sei completamente a digiuno sull'operatività promozionale di queste piattaforme, contattaci, troveremo  insieme la giusta strategia.

Leggi di più