Snippet in giallo: cosa sono e a cosa servono

A partire dallo scorso anno Google ha colorato di giallo, mettendole in risalto, alcune porzioni di testo all’apertura di una pagina web. Questa funzione di Google serve a catturare subito l’attenzione dell’utente, indirizzandola verso quella parte di contenuto da cui il motore di ricerca va ad estrapolare i testi in anteprima nei featured snippet.

I featured snippet o snippet in primo piano sono quei riquadri messi in evidenza in cima alla SERP e che contengono le informazioni title, metadescription e URL. Il colosso statunitense vuole fornire all’utente una risposta sempre più rapida con ricerche a zero clic, cioè attraverso quelle ricerche in cui la risposta alla query è già nella SERP. I testi degli snippet evidenziati in giallo puntano a questa mission: indirizzare il lettore ad ottenere, in estrema rapidità, le informazioni che sta cercando.

La feature si attiva in automatico nel momento in cui il motore di ricerca è in grado di determinare esattamente dove si trova il testo in questione e se l’utente naviga con un browser che supporta la Link To Text Fragment, un’estensione di Google Chrome introdotta a dicembre 2018.
Questa caratteristica, supportata al momento solo da Big G, è sicuramente da non sottovalutare, non solo da un punto di vista tecnico. Avrà, infatti, un peso anche dal punto di vista dell’advertising, in quanto, la restituzione dei risultati con risposta immediata si traduce in una minore visualizzazione del resto del testo, compresi i banner pubblicitari nella sezione superiore della pagina.